FANDOM


Dorian

Un uomo dell'est emigrato in Italia dalla mente scaltra, ragionamento fino, senso degli affari, furbizia, stile, intuito e concetto di manipolazione, sono gli ingredienti che costituiscono e generano la mente e le azioni di Dorian. È un autentico duro, dai modo raffinati, e gestisce un ristorante transiberiano nel quartiere Ostiense: "Il Samovar", che utilizza come copertura per delle azioni illegali. Ha avuto un'infanzia segnata dalle continue crisi dei genitori culminate nell'invio di Dorian in un orfanotrofio. Lì, ha imparato che per sopravvivere doveva essere il più forte e non fidarsi di niente e di nessuno, neanche dei suoi stessi occhi. Nel corso degli anni è diventato amico fraterno di un russo trapiantato in Italia, Pavel Musin, con lui ha creato un piccolo gruppo di malviventi legati alla Mafia russa e al Padrino di Pavel, Mikhail Popovic, detto Pope. Quando incontra Anna Gori (sotto falso nome Giulia Tommasi), una brava ragazza di cui si innamora a prima vista, la sua vita comincia a cambiare. Un amore che metterà in crisi sia Anna che crede fortemente nel valore della legalità e, non a caso ispettrice di polizia (anche se lui lo ignora), sia Dorian che non vuole coinvolgerla nel suo mondo di traffici loschi. Un rapporto ambiguo e morboso nasce tra lui e Anna, la quale non riesce a capire la vera natura dell'uomo. Solo l'amore per Giulia/Anna lo spinge a tornare indietro. Dorian vorrebbe scappare con Anna e il figlio per ricominciare una nuova vita. Per l'amore che prova per Anna tradisce persino il suo migliore amico Pavel (uccidendolo per difendere la ragazza) e il clan. Alla fine, Dorian pur di non essere arrestato e di non coinvolgere il figlio Abel e Anna nel suo destino sceglie di morire in uno scontro a fuoco per mano di Nadja. Interpretato da Rodolfo Corsato.

Community content is available under CC-BY-SA unless otherwise noted.